Une femme se tenant l'estomac et ses mains faisant une forme de cœur

HANG-OVER e metabolismo dell'alcol

HANG-OVER favorisce il processo di metabolizzazione dell'alcol grazie a tre elementi: la NAC, la Vitamina E e gli estratti di semi d'uva. In questo articolo, descriveremo più precisamente il funzionamento di ciascun ingrediente.

La NAC (N-Acetil-L-cisteina)

L'acetaldeide, un metabolita tossico dell'etanolo, nocivo per il nostro organismo e in particolare per il fegato, si forma durante il processo di eliminazione dell'alcol.


Per eliminare l'acetaldeide, l'organismo utilizza due elementi: l'aldeide deidrogenasi e il glutatione. Questa cascata metabolica è efficace ma si satura rapidamente a causa della mancanza di glutatione, il che porta a numerosi effetti indesiderati. Fortunatamente, c'è un modo per contrastare questo problema, integrando correttamente l'organismo con la NAC.[1]


Il più potente antiossidante dell'organismo è il glutatione. La maggior parte degli alimenti lo contiene, ma è difficilmente assorbibile dal nostro sistema digestivo e si degrada prima di entrare nell'organismo. È un attore importante nel processo di disintossicazione del fegato e nel funzionamento del sistema immunitario. Inoltre, aiuta l'organismo a liberarsi delle tossine presenti nell'alimentazione e nell'ambiente. Il glutatione si forma a partire dall'acido glutammico, dalla cisteina e dalla glicina.


Tra questi tre elementi, quello che manca al corpo è la L-cisteina. La N-acetil-l-cisteina (NAC) è un precursore della L-cisteina. Integrare l'organismo con la NAC fornisce all'organismo un apporto di L-cisteina, favorendo così la biosintesi del glutatione, in altre parole, il rinnovo delle sue riserve.[3]


Aumentare i livelli di glutatione favorisce il processo di disintossicazione, agendo direttamente come agente antiossidante catturando i radicali liberi. La NAC è stata quindi identificata come un'opzione terapeutica nella gestione di alcune patologie caratterizzate dallo sviluppo di radicali liberi.[4]


Un adeguato apporto di glutatione aiuta a sostenere il sistema immunitario e consente la neutralizzazione delle tossine.


La NAC aiuta anche a prevenire le lesioni epatiche


Numerosi studi hanno dimostrato che la NAC contribuisce a prevenire le lesioni epatiche durante il consumo di alcol.[5] L'efficacia della sua azione epatoprotettrice è dimostrata da un utilizzo clinico nell'avvelenamento da paracetamolo; se somministrata correttamente al momento giusto, neutralizza le lesioni epatiche. Si parla di antidoto nell'avvelenamento da paracetamolo.[6]


La posologia utilizzata in queste ricerche suggerisce che la NAC deve essere assunta prima del consumo di alcol per una maggiore efficacia. In questo modo, la produzione di glutatione sarà attiva e potrà soddisfare le esigenze del metabolismo, eliminando efficacemente i metaboliti tossici dell'etanolo.


La Vitamina E

Durante il processo di eliminazione dell'alcol, l'Acetaldeide, presente in quantità eccessiva, rilascia radicali liberi (azoto e ossigeno) che sono tossici per il corpo.


La Vitamina E è un agente antiossidante che deve essere fornito attraverso la nostra alimentazione poiché il corpo è incapace di sintetizzarla. Protegge gli acidi grassi polinsaturi (i grassi buoni) e altri componenti delle membrane cellulari (ad es. le lipoproteine a bassa densità) dall'ossidazione dei radicali liberi.[7,8,9]


100 anni di ricerche hanno dimostrato che la Vitamina E possiede numerose proprietà antiossidanti, come l'intercettazione di specie ossigenate e azotate reattive.[10] La vitamina E è l'agente antiossidante intravivo più abbondante e potente catturatore di radicali liberi. [11]


La vitamina E è quindi essenziale nell'eliminazione dei radicali liberi derivanti dal consumo di alcol.


Gli estratti di semi d'uva


Lo stress ossidativo è la perdita di equilibrio tra i sistemi ossidativi e antiossidativi delle cellule e dei tessuti, in favore di un eccesso di specie reattive dell'ossigeno (ERO: radicali liberi, ioni ossigenati, perossidi)


L'estratto di semi d'uva è ricco di Oligo-proantocianidine (OPC).


Le proantocianidine dei semi d'uva si sono rivelate essere più potenti catturatori di radicali liberi rispetto alle vitamine C, E e al β-carotene in vitro e in vivo.[12,13]


Il meccanismo d'azione più riconosciuto risiede nell'inibizione della perossidazione lipidica, evitando la produzione di ERO e, di conseguenza, salvando le membrane cellulari dall'apoptosi (morte cellulare programmata).


I ricercatori hanno riportato che gli estratti di proantocianidine dei semi d'uva ripristinano l'equilibrio redox cellulare attraverso le vie di sintesi del glutatione.[14] Un altro studio ha riportato che le procianidine dei semi d'uva avevano un effetto protettivo contro la tossicità indotta dall'etanolo nelle cellule cerebrali dei topi.[15]


Conclusioni

Questa combinazione di antiossidanti (Vitamina E, OPC e NAC) è una scelta sagace nel trattamento della veisalgia o della sbornia. Con una logica di prevenzione e disintossicazione, favorisce l'acquisizione dei radicali liberi e contrasta i danni causati dallo stress ossidativo. Inoltre, questa combinazione stimola la biosintesi del glutatione che aiuta l'organismo a eliminare le tossine generate dall'eccesso di alcol.


[1] Morozova TV, Goldman D, Mackay TF, Anholt RR. The genetic basis of alcoholism: multiple phenotypes, many genes, complex networks. Genome Biol. 2012;13(2):239. Published 2012 Feb 20. doi:10.1186/gb-2012-13-2-239. 

[2] Elgindy EA, El-Huseiny AM, Mostafa MI, Gaballah AM, Ahmed TA. N-acetyl cysteine: could it be an effective adjuvant therapy in ICSI cycles?. A preliminary study. Reprod Biomed Online. 2010;20(6):789–796.

[3] Pieralisi A., Martini C., Soto D., Vila M.C., Calvo J.C., Guerra L.N. N-acetylcysteine inhibits lipid accumulation in mouse embryonic adipocytes. Redox Biol. 2016;9:39–44. doi: 10.1016/j.redox.2016.05.006.

[4] Shahin AY, Hassanin IM, Ismail AM, Kruessel JS, Hirchenhain J. Effect of oral N-acetyl cysteine on recurrent preterm labor following treatment for bacterial vaginosis. Int J Gynaecol Obstet. 2009;104(1):44–48.[23] Tunek A. Possible mechanisms behind the anti-inflammatoire effects of N-acetyl cysteine; is metabolism essential? Eur Respir Rev. 1992; 2(7): 3538.

[5] N-acetilcisteina nel trattamento del disturbo da uso di alcol in pazienti con malattie epatiche: Razionale per ulteriori ricerche. Kirsten C. Morley, Andrew Baillie, Wim Van Den Brink, Kate E. Chitty, Kathleen Brady, Sudie E. Back, Devanshi Seth, Greg Sutherland, Lorenzo Leggio & Paul S. Haber. Pagine 667-675 | Ricevuto il 28 Mar 2018, Accettato il 13 Lug 2018, Versione dell'autore accettata pubblicata online: 18 Lug 2018, Pubblicato online: 01 Ago 2018

[6] Trattamento e gestione della tossicità da acetaminofene, Aggiornato: 17 Gen 2020 Testata dell'autore: Susan E Farrell, MD; Caporedattore: Michael A Miller

[7] Organizzazione mondiale della sanità (OMS) Organizzazione delle Nazioni Unite per l'alimentazione e l'agricoltura (FAO) Requisiti di vitamine e minerali nella nutrizione umana: Rapporto di una Consultazione congiunta di esperti FAO/OMS, Bangkok, Thailandia, 21–30 settembre 1998. OMS, FAO; Ginevra, Svizzera: 2004.

[8] Sato K, Niki E, Shimasaki H. Ossidazione a catena mediata da radicali liberi della lipoproteina a bassa densità e la sua inibizione sinergica da parte della vitamina E e della vitamina C. Arch Biochem Biophys. 1990.

[9] Bowry VW, Ingold KU, Stocker R. La vitamina E nella lipoproteina a bassa densità umana: quando e come questo antiossidante diventa un pro-ossidante. Biochem J. 1992.

[10] Zingg J.-M. Vitamina E: Una panoramica delle principali direzioni di ricerca. Mol. Asp. Med. 2007.

[11] Jasmeet Kaur 1, Sonia Shalini, M P Bansal. Influenza della vitamina E sui cambiamenti indotti dall'alcol nelle difese antiossidanti nel fegato dei topi. Toxicol Mech Methods.2010 Feb

[12] Rani V., Deep G., Singh R.K., Palle K., Yadav U.C. Stress ossidativo e disturbi metabolici: Patogenesi e strategie terapeutiche. Life Sci. 2016.

[13] Bagchi D., Swaroop A., Preuss H.G., Bagchi M. Cattura dei radicali liberi, antiossidante e chemioprevenzione del cancro mediante proantocianidine del seme d'uva: Una panoramica. Mutat. Res. Fundam. Mol. Mech. Mutagen. 2014.

[14] Le procianidine del seme d'uva impediscono il danno ossidativo modulando l'espressione dei sistemi enzimatici antiossidanti. Puiggros F, Llópiz N, Ardévol A, Bladé C, Arola L, Salvadó MJJ Agric Food Chem. 27 luglio 2005.

[15] Evidenze dirette in vivo degli effetti protettivi delle frazioni di procianidine del seme d'uva e di altri antiossidanti contro il danno al DNA indotto etilico nelle cellule cerebrali del topo. Guo L, Wang LH, Sun B, Yang JY, Zhao YQ, Dong YX, Spranger MI, Wu CF J Agric Food Chem. 11 luglio 2007.

Découvrez nos solutions bien-être, Hang Over et Aquapop, pour améliorer votre quotidien. Adoptez-lès dès maintenant et ressentez la différence !


Découvrir
Torna al blog

Lascia un commento